www.exducere.com © 2000-2017          


La Comunicazione Efficace ed empatica attraverso i gesti
(Comunicazione cognitiva)

Teoria altamente innovativa
(Metodo Massimo Sidoti)

La psicologia cognitiva è una branca della psicologia che ha come obiettivo lo studio dei processi mediante i quali le informazioni vengono acquisite dal sistema cognitivo, trasformate, elaborate, archiviate e recuperate.

La percezione, l' apprendimento, la risoluzione dei problemi, la memoria, l' attenzione, il linguaggio e le emozioni sono processi mentali studiati dalla psicologia cognitiva.

Essa studia il funzionamento della mente come elemento intermedio tra il comportamento e l'attività cerebrale prettamente neurofisiologica . Il funzionamento della mente è assimilato.

Il comportamento è il modo di agire e reagire di un oggetto o un organismo messo in relazione con altri oggetti, organismi, o semplicemente con l' ambiente, che è l'esternazione di un atteggiamento, il quale si basa su una idea o una convinzione che può essere anche un pregiudizio. Il comportamento può essere conscio o inconscio e volontario o involontario.

Negli animali il comportamento è controllato dal sistema endocrino e da quello nervoso. La complessità del comportamento di un organismo è legato alla complessità del suo sistema nervoso. Generalmente, organismi con un sistema nervoso più complesso hanno più grandi capacità di imparare nuove risposte e correggere il loro comportamento.

Il comportamento umano, così come quello di altri organismi, può essere comune, insolito, accettabile o inaccettabile. Gli uomini valutano l'accettabilità di un determinato comportamento usando norme sociali e regolando i comportamenti tramite mezzi di controllo sociale.

Nell'Approccio Centrato sulla Persona basato sul modello formativo ideato da Thomas Gordon, allievo di Carl Rogers, e sviluppato e diffuso in tutto il mondo dalla Gordon Training International . Essi si prefiggeno di sviluppare o migliorare la sensibilità e le competenze interpersonali e le abilità comunicative.

   
Principali obiettivi dei percorsi proposti dalla Gordon Training International sono:
    • Imparare a leggere il comportamento
    • Riconoscere situazioni problematiche e capire "di chi è il problema"
    • Apprendere l'ascolto empatico
    • Utilizzare in modo efficace il confronto e l'assertività
    • Imparare ad usare un metodo democratico di "Problem Solving"
    • Imparare a promuovere la consapevolezza dei valori

Exducere.com nell'Approccio Centrato sulla Persona si basa sul modello formativo ideato da Massimo Sidoti sviluppato attraverso osservazioni e teorie innovative "Comunicazione efficace ed empatica attraverso la comunicazione cognitiva dei gesti". Non la semplice staticità dei gesti ma la dinamicità della mente rapportata al gesto.

La comunicazione corporea attraverso i gesti e la mimica facciale e posturale del corpo costituisce il 90% di un interessante conversazione. Essa è la forma più potente di comunicazione tra gli uomini.

Saper decifrare la comunicazione empatica del corpo permette per così dire di “codificare” la mente degli altri.
Ad esempio osservando, potete usare la comunicazione cognitiva del corpo per scoprire quando qualcuno/a è attratto/a da voi o creare un interesse romantico in qualcuno/a che desiderate. Potete usare la comunicazione cognitiva del corpo per rendervi conto se gli altri stanno mentendo o dicendo la verità.
Potete usare la comunicazione cognitiva del corpo per comunicare un senso di sicurezza e ispirare rispetto in ogni situazione.

Potete usare la comunicazione cognitiva del corpo per mettere le
persone a loro agio, farvi degli amici rapidamente, persuadere,
influenzare o vendere di più.

Conoscere la comunicazione cognitiva del corpo ci insegna
anche ad interagire con persone di altre culture di altre parti del mondo pur non conoscendo la loro lingua.

L'uomo tende a sviluppare capacità comunicative attraverso messaggi verbali positivi ed empatici, ma non si rende conto del fatto che la sua comunicazione con gli altri è fortemente compromessa da tutta una serie di messaggi non verbali negativi che invia agli altri inconsapevolmente.

Conoscere esattamente quali posture, gesti, e movimenti creano comunicazione cognitiva, vi permettono di comprendere i disagi dell'altro, capire che l'altro ha un problema e trasmettere invece dei messaggi non verbali positivi, divenendo persone efficaci.
Tutti noi usiamo la comunicazione cognitiva del corpo, spesso inconsciamente attraverso una serie di algoritmi dei gesti. Lo
percepiamo negli altri e vi reagiamo ma spesso non riusciamo a comprendre il vero significato dei gesti e non teniamo in considerazione quanto ci possa servire a raggiungere i nostri obiettivi, in campo personale, affettivo e professionale.

Il 70% dell’impressione che suscitiamo sugli altri viene dalla nostra comunicazione corporea!
Quindi, perchè fermarsi solamente alla comunicazione empatica ed efficace verbale.

Il nostro corpo può emettere 10.000 messaggi al minuto interaggendo con un altra persona. Inviamo segnali non verbali come lo sguardo, la postura, il livello di energia e l'attitudine, per fare un’impressione positiva sugli altri.

Il minimo gesto, per esempio come stiamo in piedi o entriamo in una stanza, può rivelare moltissimo sul nostro livello di sicurezza in noi stessi, autostima e credibilità.
Alcuni dei segnali del corpo più efficaci per conquistare attenzione, rispetto e fiducia sono:

stabilire un contatto visivo appropriato.
 stabilire una corretta postura del corpo.
 emanare segnali positivi attraverso il sorriso o segnali negativi attraverso l'annuire.
 assumere una postura adeguata in base agli algoritmi dei gesti dell'altro.
 Il rimodellamento – consiste in pratica nell’imitare i movimenti degli altri, permettendovi di armonizzarvi con i gesti dell'altro senza che se ne rendano conto.
 le modalità di movimento all'interno di una stanza piena di gente per produrre su di loro il massimo impatto.
 Un leggero innalzamento del ciglio (destro o sinistro) segnale di accettazione, compiacimento, stupore

Gli occhi "lo specchio dell'anima"

Esaminiamo l'intensità dello sguardo

Essi ci rivelano diversi indizi, stati d'animo, sentimenti, atteggiamenti, gioia, stupore, perplessità, amarezze, incomprensioni, delusioni, tenerezze, caparbietà, debolezze, romanticismi, durezze, disapprovazione, ingannevolezza.

Il processo della comunicazione cognitiva dei gesti

 
segnale
 
segnale
Mittente    
Ricevente

C

O

D

I

F

I

C

A

 

D

E

C

O

D

I

F

I

C

A

  COMUNICAZIONE
     
Corpo efficace
   
FEEDBACK
RIMODELLAMENTO

 

  PERCORSI EDUCATIVI PERSONALIZZATI

 

Comunicazione Cognitiva empatica attraverso i gesti

Docente

Massimo Sidoti

Descrizione

Hai difficoltà di relazionarti in maniera “efficace” con gli altri?
Per esempio con i tuoi figli?

La “comunicazione ” proposta da Massimo Sidoti promuove lo sviluppo delle abilità di percezione del proprio corpo, di gestione risoluzione e mediazione dei conflitti.

I percorsi favoriscono lo sviluppo di abilità di comunicazione e consentono di operare corretti processi di attribuzione, affinando la sensibilità necessaria per cogliere i segnali che stanno ad indicare la presenza di problemi nell'altro .

Il percorso, dal titolo “comunicazione cognitiva attraverso i gesti ”, è rivolto a quei genitori che sentono il bisogno di rendere più aperta la comunicazione con i propri figli, di diventare più capaci di recepire i loro bisogni, i sentimenti e gli ideali. E' rivolto anche a quei genitori che desiderano che anche i figli capiscano i bisogni, i sentimenti e i valori dei genitori stessi. Quando si riesce a conquistare la possibilità di comunicare con i figli, allora essi diventano membri attivi e propositivi della famiglia e questo li aiuta a sviluppare stima e fiducia in sé stessi e a diventare responsabili anche della propria crescita.

Essere genitore rimane uno dei compiti più delicati e complessi, in cui devono essere unite abilità di gestione emotiva, di comprensione e ascolto, di tolleranza e apertura, assieme alla capacità di essere di esempio e guidare con serenità e fiducia la crescita e lo sviluppo dei bambini e ragazzi.

E altro ancora...

Si tratta di un primo passo in direzione di una maggiore e migliore conoscenza di sé e delle proprie risorse e potenzialità , della propria crescita personale e professionale .

Gli incontri hanno carattere teorico-pratico: è privilegiata una forma di apprendimento esperienziale che coinvolge direttamente i partecipanti e consente di sperimentare in presa diretta le abilità proposte .

I Gruppi sono formati da un minimo di 8-10 persone ( massimo 20 ).

  • Costo

    € 240,00 a persona

    il costo del corso include l'attestato di partecipazione.

    Giorni/orari


    8 incontri dalle ore 15,00 alle ore 18,00

    Prossimi incontri:
    Le iscrizioni sono aperte per il mese di luglio
    inizio corso da stabilire

Attività

Attraverso le competenze apprese sarà possibile:

  • apprendere le principali funzioni della comunicazione cognitiva dei gesti
  • segnali non verbali
  • segnali di mimica facciale
  • segnali visivi
  • segnali di movimenti e gesti
  • segnali esteriori

A chi si rivolge

  • Genitori di figli di tutte le età;
  • coppie, persone impegnate a qualsiasi titolo ed in qualsiasi contesto in relazioni d'aiuto;
  • persone interessate ad apprendere modalità più funzionali di comunicare e motivate ad un percorso di crescita personale.

A tutti coloro che desiderano migliorare la qualità della propria vita, ritrovando motivazione e autostima, liberandosi finalmente da stress e paure, problemi personali, ritrovando la direzione della propria vita e realizzando i propri obiettivi.

La richiesta di partecipazione al percorso compilando la scheda di adesione.

Il pagamento del percorso dovrà essere effettuato al primo incontro in un unica soluzione.

 

 

Comunicazione cognitiva empatica attraverso i gesti

DESCRIZIONE DEL PERCORSO

OBIETTIVI

STRUTTURA DEL PERCORSO

METODOLOGIA

MATERIALE DIDATTICO

ORGANIZZAZIONE

 

 

Indicare il nome e cognome:

Indirizzo E.mail :

Numero telefonico :

Oggetto del messaggio:

Autorizzazione:

Messaggio:

 

 

La Redazione

 

 

 

 

"In collaborazione con .."

Lo sguardo

Lo sguardo di traverso:
Segnale allusivo di interesse sentimentale.

Lo sguardo prolungato:
Gesto più palese di attenzione. La persona non finge di essere timida, ma vuole “arrivare al sodo”.

Lo sguardo dal basso verso l'alto.
La donna utilizza questo tipo di sguardo verso gli uomini da cui sono attratte, difficilmente vengono scoperte!

Lo sguardo da “duro”.
Penetrante, viso contratto,
atteggiamento aggressivo e minaccioso.

Lo sguardo sfuggente.
Si dimostra ingannevole. Sta mentendo
o si sente colpevole per qualcosa di cui si sta
nascondendo.

Occhi chiusi.
Non vuole ascoltare l'interlocutore.

Il sorriso

Il sorriso forzato.
Se gli occhi, la bocca ed il viso non fanno parte dell'espressione del viso possiamo dire che è un sorriso forzato.

Il sorriso aperto.
E' normalmente spontaneo e genuino.

Coprirsi il viso.
Se mentre voi parlate chi vi ascolta si copre il viso, è un segno che il vostro discorso l'ha scioccato. Se invece è l'altro mentre conversa con voi a coprirsi il viso o la bocca indica che sta mentendo.

Labbra contratte.

Indica che l 'individuo vive in una situazione di stress o di preoccupazione. Le labbra contratte denotano tensione e/o disapprovazione dello stato in cui vive la
persona.

 

Per saperne di più www.affidare.minori.it

 


 

Note legali

Exducere.com di Sidoti Massimo Luciano Garantisce di essere l’autore e l’unico titolare di ogni e qualsiasi diritto di proprietà del brevetto dal Titolo “Servizio riabilitativo ed educativo via Internet" – brevetto per invenzione industriale n. 0001323196
Ministero dello Sviluppo Economico Ufficio Italiano Brevetti e Marchi
Le rivendicazioni del servizio pongono in essere, limiti a tutti coloro che svolgono attività di consulenza riabilitativa ed educativa via Internet. Normativa brevetti Industriali